Le crociere senza destinazione per rilanciare il turismo

136
crociere senza destinazione

Alcune compagnie hanno lanciato l’idea delle crociere senza destinazione. L’obiettivo sarebbe quello di rilanciare il turismo. In effetti le attività che rientrano nel settore turistico, come i voli e le crociere, sono quelle che più hanno risentito degli effetti negativi determinati dalla pandemia. Qualche tempo fa le compagnie aeree avevano messo in campo l’idea dei voli senza destinazione, per andare incontro alle esigenze di quegli utenti che sentivano la mancanza dei viaggi in aereo.

Come funziona l’idea delle crociere senza destinazione

È la compagnia di Singapore Tourism Board che ha annunciato per prima l’idea delle crociere senza destinazione. Il tutto consiste nel portare a bordo di una nave dei passeggeri che vogliono vivere l’esperienza di una crociera, senza stabilire una destinazione precisa.

Durante il viaggio si possono avere dei servizi esclusivi, si può contare su dei servizi aggiuntivi per offrire delle esperienze uniche nel loro genere.

Ancora non sappiamo quando la compagnia di Singapore farà partire la prima crociera di questo tipo. Infatti è stato specificato che prima dovranno essere messe in atto tutte le norme particolareggiate, in modo da badare alla sicurezza.

L’esperienza precedente dei voli senza destinazione

Anche nel caso dei voli senza destinazione si erano mosse per prime alcune compagnie di Singapore, la Airlines e la Qantas. È stata un’esperienza che ha ottenuto molto successo, infatti in poco tempo queste compagnie aeree sono riuscite a vendere più di 2000 euro di biglietti.

Spesso si trattava dell’offerta di tour panoramici. Per quanto riguarda gli aerei, l’obiettivo era quello di salvare il turismo, ma anche di mettere in sicurezza le licenze dei piloti che rischiavano a causa della riduzione delle prenotazioni per viaggiare in aereo.