In Alto Adige cancellati i tradizionali mercatini di Natale

172
mercatini di Natale

Siamo sicuri che l’atmosfera natalizia che si respirerà sarà comunque notevole, anche se non sarà di certo come gli altri anni. In Alto Adige sono stati infatti cancellati gli appuntamenti con i tradizionali mercatini di Natale, che ogni anno conquistano un numero sempre più elevato di appassionati. La decisione è stata presa dal governatore Arno Kompatscher, il quale ha precisato che in generale saranno applicate le norme dell’ultimo DPCM presentato dal Governo.

L’obiettivo è tutelare scuola e lavoro

L’obiettivo del governatore dell’Alto Adige è quello di salvaguardare alcuni settori considerati prioritari. Si parla in particolare della scuola e delle imprese. Per questo motivo, secondo quanto ha dichiarato Arno Kompatscher, si vuole cercare di rinunciare a ciò che non è irrinunciabile.

Sono state proprio queste le parole di Kompatscher, che ha ricordato che in questo momento ciò che risulta prioritario è rappresentato proprio dalle aziende e dalla possibilità di mantenere aperti gli istituti scolastici. Proprio in riferimento a quest’ultimo punto, è stato precisato che è attiva la didattica a distanza nelle scuole superiori per almeno il 30%.

Alta attenzione alle ricorrenze e alle castagnate autunnali

C’è un’attenzione molto alta in Alto Adige anche per quanto riguarda la tradizione delle castagnate dell’autunno nei masi. In questo caso le norme in vigore sono quelle identiche che devono essere rispettate dai ristoranti.

Il governatore dell’Alto Adige Arno Kompatscher ha chiesto inoltre ai più piccoli di non partecipare quest’anno ai cortei per la ricorrenza di Halloween. Inoltre ha specificato che bisogna prestare attenzione anche alle cerimonie che si svolgeranno per la festa dell’1 novembre.