Autocertificazione per gli spostamenti: ecco quando servirà

232
autocertificazione per gli spostamenti

Torna l’autocertificazione per gli spostamenti, che dovrà essere prodotta, almeno per il momento, in due regioni italiane, in determinate situazioni. In Lombardia il documento sarà obbligatorio per certificare gli spostamenti nelle ore della notte, dalle 23 alle 5 del mattino. In Campania sarà necessario avere l’autocertificazione per gli spostamenti tra le province a partire dal 23 ottobre. In questo caso bisognerà indicare il motivo per il quale si effettua lo spostamento, tenendo in considerazione le ragioni ammesse dalla specifica ordinanza messa a punto dal Presidente della Regione De Luca.

Il documento per gli spostamenti tra le province in Campania

L’autocertificazione per gli spostamenti, con la quale gli italiani hanno avuto a che fare nel corso del periodo di lockdown generalizzato di qualche mese fa, è quindi ritornata in due regioni, la Campania e la Lombardia, che stanno mettendo in atto dei provvedimenti per il contrasto della diffusione del coronavirus nel territorio del nostro Paese.

In Campania l’autocertificazione dovrà essere prodotta a partire dal 23 ottobre per gli spostamenti tra le province di Napoli, Avellino, Salerno, Caserta e Benevento. È possibile spostarsi tra le province esclusivamente per motivi di salute, di lavoro, di natura familiare, scolastici o di urgente necessità.

L’autocertificazione anche in Lombardia

Il documento dovrà essere prodotto anche in Lombardia, con l’ordinanza messa a punto dal Presidente Attilio Fontana, che stabilisce la chiusura, a partire dal 23 ottobre, dalle 23 alle 5 del mattino. In questo caso ci si potrà spostare solo per situazioni di necessità e urgenza, per motivi di salute e per esigenze di lavoro comprovate. Viene consentito il rientro nella propria abitazione.

All’interno del documento dovranno essere indicati un recapito telefonico e il domicilio abituale. Inoltre bisognerà dichiarare di non essere sottoposti alla misura della quarantena e di non essere positivi al Covid 19.