Concorsi pubblici fermi, ma non quelli per la scuola

226
concorsi pubblici

Cosa prevede il nuovo DPCM di Conte sui concorsi pubblici? Queste procedure concorsuali, sia pubbliche che private, non si potranno più attivare per il momento, almeno in riferimento a quelle per le quali ci sono già delle disposizioni in corso d’opera e per le quali sono state convalidate le norme di sicurezza da parte del comitato tecnico scientifico. La discussione su questo punto è stata particolarmente oggetto di scontri, fino ad arrivare ad avere il testo definitivo del DPCM annunciato dal Presidente del Consiglio oggi, 25 ottobre.

Non si fermano i concorsi per la scuola

Un punto particolarmente dibattuto è stato quello dei concorsi per la scuola. Inizialmente, anche in seguito alla diffusione di alcune indiscrezioni, si era pensato che potesse svolgersi soltanto il concorso straordinario per i docenti.

Per quest’ultimo infatti il comitato tecnico scientifico ha già convalidato i protocoli di sicurezza. Con il testo definitivo, invece, appare chiara invece la volontà di mandare avanti anche gli altri concorsi pubblici per la scuola, in riferimento a quelli ordinari.

Evidentemente hanno prevalso le ragioni di necessità che vedono la carenza di insegnanti nelle scuole italiane e per questo le autorità governative avrebbero deciso che presto potrebbero essere banditi anche i concorsi ordinari per i docenti, sia da un lato per la scuola dell’infanzia e per la scuola primaria, sia dall’altro per la scuola secondaria.

Le impennate dei contagi sono preoccupanti

Lo stesso Conte comunque ha chiarito che bisogna usare prudenza a questo riguardo. Da più parte arriva la certezza che l’impennata dei nuovi contagi da coronavirus è preoccupante. Già in vista di queste considerazioni, da più parti era arrivata la richiesta di fermare i concorsi pubblici per la scuola, per non mettere a rischio i docenti che dovranno spostarsi per raggiungere la sede concorsuale.