Spread, ad essere danneggiate sono soprattutto le aziende
Unione Europea lancia il suo ultimatum a Italia

I comuni mortali conoscono lo spread solamente per averlo sentito nominare nei tg e nei talk di attualità: della differenza di rendimento dei titoli italiani rispetto a quelli stranieri dovremmo però preoccuparci un po’ di più tutti noi, dato che le conseguenze sono più reali di quello che possiamo immaginarci.

In questi giorno lo spread sembra essersi assestato intorno al valore di 300, un valore molto alto che preoccupa gli economisti e che dovrebbe preoccupare anche gli imprenditori, che sono i primi ad essere penalizzati.

Con uno spread sopra i 300 punti base, nell’economia reale del nostro Paese sono più a rischio le imprese che le famiglie: a dirlo è l’Ufficio studi della CGIA che ha analizzato sia la situazione di liquidità delle imprese sia il peso dei titoli di Stato e il numero di mutui per l’acquisto della casa in capo alle nostre famiglie.

In buona sostanza, i più esposti in termini assoluti sono gli imprenditori che si troveranno a pagare di più il denaro ricevuto in prestito dalle banche e in prospettiva avranno meno credito a disposizione, perché per gli istituti di credito sarà più difficile erogarlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Contenuti interessanti

Governo, in Bilancio niente tagli alle pensioni d’oro

Sono stati tanti i temi che in campagna elettorale Lega e 5…

Carta di circolazione per auto in comodato d’uso, tutte le novità appena entrate in vigore

Da qualche giorno è entrata in vigore una nuova normativa che si rivolge…

Immobili le case si vendono online in Europa

La vendita degli immobili in Europa è prevalentemente online, in rete si…

Ocse si schiera apertamente contro Quota 100

Quota 100, assieme al reddito di cittadinanza, è stata uno dei traguardi…