Gli immobili nei centri urbani aumentano del 9%

Potrebbe salire di circa il 9% il valore degli immobili nelle aree urbane, questo secondo la stima di una delle prime agenzie immobiliari italiane la Homstate.it, tutto grazie alla diffusione delle auto elettriche sempre più destinate a diventare il futuro dell’automotive.

Homstate.it, prima agenzia immobiliare online in Italia, ha realizzato una ricerca per capire se e come la diffusione delle auto elettriche potrà impattare sul mercato immobiliare. Prendendo in considerazione gli effetti delle sorgenti di rumore esterne all’edificio, sappiamo che l’acquirente di un immobile è fortemente condizionato da questo fattore. Le soluzioni più immediate per mitigare lo stress sonoro si ritrovano nel settore dei serramenti esterni ormai tecnologicamente avanzati in termini di capacità di isolamento termico-acustico, ma la componente che più di ogni altra contribuirà all’abbattimento dell’inquinamento acustico arriverà dall’esterno. Infatti, oltre ad architetture sorprendenti e, nello stesso tempo, estremamente efficaci e orientate a ridurre gli effetti delle sorgenti sonore esterne, l’innalzamento del comfort acustico sarà generato dall’incremento del numero di auto elettriche circolanti che, oltre a inquinare estremamente meno, sono caratterizzate da livelli di emissioni sonore molto contenuti rispetto ai veicoli tradizionali alimentati a combustibili fossili non rinnovabili. Secondo Gianluca Cerboni, ingegnere e data analist in Homstate.it “nei centri urbani, grazie al miglioramento delle condizioni ambientali dovuto alle auto elettriche, la richiesta di abitazioni aumenterà e il valore degli immobili crescerà del 9%”.

Recenti studi europei basati su dati pubblici relativi al numero di auto elettriche vendute tra cui veicoli elettrici a batteria, veicoli elettrici con celle a combustibile e veicoli elettrici ibridi con possibilità di collegamento, hanno evidenziato un aumento della quota di mercato dallo 0,21% del 2013 allo 1,19% del 2017 a cui corrisponde un tasso di elettrificazione del parco veicoli europeo dello 0,46% di cui capofila è la Norvegia con un tasso pari allo 11,86%. Morgan Stanley ha ipotizzato un possibile sorpasso a livello globale entro il 2040 sui veicoli tradizionali con motore a combustione, indicando un aumento del 16% del mercato delle vendite di auto elettriche entro il 2030, una successiva impennata fino al 51% nel 2040 e addirittura al 69% nel 2050. Finalmente, le nostre strade, soprattutto quelle urbane di quartiere, saranno molto più silenziose e, a beneficiarne in modo diretto, saranno i valori degli immobili che subiranno una crescita importante. Così non sarà più necessario spingere all’estremo la progettazione acustica di un edificio, adottando protezioni passive come barriere acustiche, forma e arredo urbano, pavimentazioni stradali fonoassorbenti, forma e requisiti delle facciate dei fabbricati, perché un’auto elettrica, con motore in funzione, non produce mediamente più di 25 decibel.

Secondo l’ing. Cerboni “se analizziamo i benefici indotti su un immobile e, nello specifico, per esempio su un appartamento posizionato in una palazzina costruita a ridosso di una importante arteria viaria urbana, la presenza di una schermatura naturale come ad esempio un viale alberato di altezza superiore a 2,5 metri, la riduzione del rumore generato da una sorgente costituita da un’autovettura di cilindrata media alimentata a benzina o diesel, può arrivare fino a 7 decibel. A questa si aggiunge il fattore posizione dell’appartamento rispetto alla maglia dell’edificio, da cui derivano ulteriori attenuazioni anche nell’ordine dei 20 decibel. Nella pratica, avremo finalmente il piacere di osservare da dietro i vetri delle nostre finestre le auto circolanti nelle strade davanti casa senza percepirne il minimo rumore.” Come si tradurrà tutto ciò in termini economici e di rivalutazione degli immobili? Ivan Laffranchi, fondatore di Homstate.it (www.homstate.it) la piattaforma immobiliare per l’acquisto e vendita di case online,  ritiene che “a fronte di una ripresa delle compravendite immobiliari con trend di crescita identico e inverso rispetto a quello registrato sino ad oggi, la progressione delle immatricolazioni di auto elettriche influirà molto positivamente sui prezzi degli immobili con benefici puntuali dell’aumento del prezzo di mercato”.

fonte@ComunicatiStampa.net

Leggi anche:

  • Nessun articolo correlato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *