Pertosse, paura in Veneto per tre neonate contagiate
Pertosse paura in Veneto per tre neonate contagiate

In queste ore la regione Veneto è alle prese con l’allarme West Nile: i casi di contagio umano dal virus West Nile ufficialmente registrati dalla Direzione Prevenzione della Regione sono 84, dei quali 59 “lievi” (con febbri) e 25 più gravi con encefalite. Il numero dei decessi è salito a 3, con quello di una persona, peraltro già gravemente malata.

Per fortuna, tutto è stato organizzato nel migliore dei modi: il Piano Regionale contro le Arbovirosi 2018 è attivato e attuato in tutte le sue parti; le Ulss e i Sindaci collaborano e si tengono in costante contatto e le iniziative che si rivelano necessarie, come interventi di disinfestazione straordinaria, vengono effettuati.

Ma la regione deve fronteggiare anche l’allarme pertosse, che sta dilagando tra i neonati.

Il caso più grave riguarda una piccola venuta al mondo tre settimane fa, figlia di una coppia straniera: si trova ora ricoverata in terapia intensiva all’ospedale di Padova.

Sembra che la madre e il padre non fossero coperti dal vaccino, ma sono ancora in corso gli accertamenti. Non è stato possibile verificare le informazioni perché il paese d’origine non aveva a disposizione il registro vaccinale.

E, nello stesso ospedale, nella giornata di lunedì sono stati registrati altri due casi: due neonate, rispettivamente di due mesi e di due mesi e mezzo, sono difatti giunte al pronto soccorso pediatrico coi medesimi sintomi – vale a dire tosse, febbre e difficoltà respiratorie – e sono ora ricoverate in pediatria d’urgenza ma non in pericolo di vita.

Le due bambine ora sono tenute sotto stretta osservazione dal personale medico e sanitario del Dipartimento di salute della donna e del bambino e sono sotto terapia antibiotica per cercare di debellare il batterio nel minor tempo possibile. Tutte e tre sono in isolamento, perché la malattia è molto contagiosa.

Immediatamente è scattata la profilassi anche per i familiari delle neonate, e per le persone che sono state a stretto contatto con loro.

Bambine che hanno meno di tre mesi di vita e che quindi non potevano ancora essere protette dalla vaccinazione obbligatoria. I medici però consigliano tanto alle donne in gravidanza quanto ai genitori già vaccinati di fare il richiamo dato che l’immunità tende a svanire col tempo.

La pertosse può portare a situazioni irreparabili, come la morte:  due neonate sono decedute a Bergamo tra giugno e luglio.

Il rischio ora è che si diffonda tra i bimbi più piccoli e più deboli non coperti dal vaccino, causando la recrudescenza di un’epidemia.

Ricordiamo che il morbillo è una malattia infettiva di origine batterica molto contagiosa, causata dal batterio Bordetella pertussis. Un altro batterio della stessa famiglia, il Bordetella parapertussis, è all’origine di una malattia simile, la parapertosse, che si manifesta però con sintomi più lievi.

La pertosse è diffusa in tutto il mondo, ma è diventata assai rara, specialmente nei Paesi in cui è stata introdotta la vaccinazione generalizzata nell’infanzia.

Oggi il 90% dei casi di pertosse si registrano proprio nelle popolazioni in cui non viene effettuata la vaccinazione, e in questi casi la pertosse può portare a una mortalità elevata nei bambini.

Il vaccino per la pertosse è in forma combinata, con quello per tetano e difterite (DPTa). Ne esistono due formulazioni: una pediatrica, indicata fino a sei anni, e una per adulti, utilizzata dopo i 7 anni, generalmente per i richiami.

Per il lattante, la vaccinazione DPTa è contenuta nel vaccino esavalente, che, come dice il nome, protegge da sei malattie (pertosse, difterite, tetano, poliomielite, epatite B e infezioni da Haemophilus influenzae di tipo B).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Contenuti interessanti

Le donne alla guida sono una sicurezza

Le donne guidano da meno tempo degli uomini? La donna al volante…

Manovra, prevista anche una web tax

Giorni duri per la coalizione di governo: è stata portato a casa…

Autostrade e tangenziali più care nel 2018

Anno nuovo rincari nuovi, questa è una “cantilena” che purtroppo ci ritroviamo…

Tumore del pancreas, nuova tecnica per curare neoplasia inoperabile

Tra le varie neoplasie, il tumore del pancreas è una patologia in forte…