Reddito di emergenza 2020: come presentare la domanda

225
reddito di emergenza 2020

La bozza del Decreto Rilancio contiene anche una misura che riguarda il reddito di emergenza. Quello che viene chiamato in sigla REM è un provvedimento che vuole tutelare i nuclei familiari che si ritrovano in condizioni di necessità e di difficoltà dal punto di vista economico a causa dell’emergenza coronavirus.

Quali sono i requisiti per beneficiare del reddito di emergenza 2020

Il reddito di emergenza 2020 può andare da 400 a 800 euro in base alle caratteristiche del nucleo familiare. Ci sono dei requisiti però per poter ottenere questa agevolazione economica. Infatti il componente richiedente deve avere la residenza in Italia, deve avere un reddito familiare inferiore alla cifra prevista per il reddito di emergenza.

Inoltre c’è un preciso requisito anche per quanto riguarda il patrimonio mobiliare, che, in riferimento al 2019, deve essere inferiore a 10.000 euro. Questa cifra si considera accresciuta di 5.000 euro per ogni componente, fino ad arrivare ad una cifra massima di 20.000 euro. È importante che l’ISEE del nucleo familiare non superi la cifra di 15.000 euro.

Quanto spetta e come presentare la domanda

Il reddito di emergenza previsto dal Decreto Rilancio va da 400 a 800 euro. Il beneficio sarà erogato in due quote. Per ottenere questo aiuto economico si può presentare una domanda all’INPS entro il mese di giugno.

Si tratta di utilizzare i modelli appositamente predisposti dall’INPS. Ci si può rivolgere ad un centro di assistenza fiscale che abbia stipulato una convenzione con l’ente erogatore. Inoltre si possono inviare le richieste tramite patronato. Il sussidio però non spetta se si percepiscono altre indennità.