Aprire un’azienda agricola: requisiti e come fare

153
aprire un'azienda agricola

Vuoi aprire un’azienda agricola? Molti si chiedono se si tratti di un’attività che può essere conveniente. A questa domanda non c’è una risposta ben precisa, soprattutto se vogliamo considerare specificamente il lato economico. Sicuramente per esempio un’azienda agricola biologica può essere piuttosto redditizia, perché i prodotti biologici sono molto ricercati e i loro prezzi continuano ad aumentare.

Ma in generale quali sono i requisiti per aprire un’azienda agricola? Aprire un’azienda agricola corrisponde davvero alle tue aspettative? Andiamo a vedere tutto nei dettagli, per scoprire se svolgere questa attività possa costituire un investimento facile da mettere a punto.

I documenti necessari

Dal punto di vista burocratico aprire un’azienda agricola non è molto differente rispetto a quello che potrebbe comportare l’apertura di un’altra attività. Puoi decidere di aprire un’azienda agricola come piccola attività a conduzione familiare oppure puoi costituire un’impresa più grande.

In entrambe le situazioni devi necessariamente aprire una partita IVA e registrare la tua attività alla Camera di Commercio, nell’apposito registro delle imprese.

Poi devi aprire una posizione all’INPS per il pagamento dei contributi. A volte potrebbe essere necessario anche richiedere un permesso all’Asl territoriale. Su questo sicuramente un consulente ti può dare tutte le indicazioni che servono.

Come fare dal punto di vista pratico

Alcuni si chiedono come aprire un’azienda agricola, se non hanno alcuna esperienza in merito dal punto di vista pratico e concreto. In realtà non è così complicato, infatti puoi chiedere ad un parente o ad un conoscente che ha una stessa attività simile di fare un periodo di praticantato per imparare le basi del mestiere.

Infatti un minimo di esperienza è comunque molto importante, anche per sapere da dove iniziare e su quali sono i vari ruoli che dovrebbero avere i diversi dipendenti che puoi assumere. C’è molto da imparare anche riguardo ai mezzi, gli strumenti, le tecniche per gestire il terreno e le coltivazioni.

Per questo ti consigliamo, se non hai alcuna esperienza per aprire un’azienda agricola e se ti chiedi cosa serve per aprire un’azienda agricola, di candidarti per fare uno stage presso un’attività del genere.

Chiaramente il lavoro di stagista non è retribuito in maniera molto elevata, però potrai imparare direttamente tutto ciò che ti serve.

Quanto costa aprire un’azienda agricola

Veniamo ai costi. Devi calcolare innanzitutto il costo per l’eventuale acquisto di un terreno. La quantità di terreno può essere molto variabile in base anche al tipo di coltivazione che hai interesse a realizzare.

Comunque ci sono proprio dei costi che sono comuni ad ogni azienda, al di là dell’acquisto del terreno. C’è da pagare il commercialista, con una spesa che può variare da circa 500 a 1.500 euro all’anno.

Poi ci sono le tasse e i contributi INPS, che corrispondono a circa 3.000 euro all’anno. Inoltre, in base al tipo di attività che vuoi avviare, devi calcolare anche il costo per acquistare i macchinari e gli strumenti necessari.

Come aprire un’azienda agricola biologica

Se vuoi aprire un’azienda agricola biologica, potrebbe essere un’attività molto interessante, perché già come ti abbiamo detto i prodotti agricoli biologici sono molto richiesti nel mercato. Produrre biologico però significa anche ottenere l’apposita certificazione.

Quindi, se intendi proseguire per questa strada, dovresti associarti ad un organismo di controllo autorizzato. Per sapere quali sono tutti quelli disponibili, puoi consultare il sito del Ministero dell’Agricoltura.

È obbligatorio fare un’apposita richiesta al Ministero, notificando i dati della tua azienda, per fare l’iscrizione. Poi per tre anni a partire dall’iscrizione dovrai necessariamente produrre prodotti biologici. Se rispetti tutti i parametri, alla fine dei tre anni potrai ottenere la certificazione.

Fondamentale è anche la redazione del PAP, il piano annuale di produzione, che ti aiuta a programmare il tipo di raccolto biologico che intendi portare avanti nel corso dell’anno.

Sicuramente aprire un’azienda agricola biologica è molto conveniente, anche perché attualmente ci sono molte famiglie italiane disposte a spendere qualcosa in più, per riuscire comunque a seguire un’alimentazione sana e naturale.

Gli ultimi dati a disposizione dimostrano che il settore biologico è cresciuto di più del 20% negli ultimi anni. Ci può essere quindi un buon guadagno economico, anche se devi considerare la possibilità anche di lavorare la domenica e nei giorni festivi e dovrai tenere conto dei rischi che possono consistere in annate che non danno i risultati sperati specialmente per le condizioni meteo che possono verificarsi nel corso dei mesi.