Insegnare italiano all’estero: requisiti e modalità

525
insegnare italiano all'estero

Molti giovani talentuosi decidono di andare ad insegnare italiano all’estero. La cultura del made in Italy, compresa la lingua, è molto apprezzata in molti altri Stati. D’altronde dobbiamo considerare che il sogno di molti è proprio trasferirsi all’estero. Qui non è sempre facile trovare un’ottima posizione lavorativa. Tuttavia, se hai le competenze giuste e hai studiato dal punto di vista linguistico, puoi avere la possibilità di insegnare italiano all’estero.

È davvero un’ottima occasione tutta da sfruttare, perché ci sono buone possibilità lavorative. Ti diciamo tutti i consigli su come insegnare italiano all’estero e su quali graduatorie seguire.

Quanto sono utili i bandi e le graduatorie del Ministero degli Affari Esteri

Se vuoi insegnare italiano all’estero devi porti anche la domanda di come inserirti in questo ambiente della scuola nei Paesi terzi. Quindi a chi rivolgerti in particolare? Tieni sempre in considerazione, come ottima opportunità, il sito del Ministero degli Affari Esteri.

Infatti ogni anno viene pubblicato un avviso, in cui sono indicati anche i cosiddetti Paesi partner, tutti quegli Stati esteri che offrono delle posizioni aperte per insegnare italiano all’estero.

È comunque un avviso da considerare non soltanto annualmente. Infatti ti ricordiamo quanto sia importante consultare questi avvisi anche con cadenza triennale. È proprio ogni tre anni infatti che viene pubblicato il bando per avere la possibilità di entrare nelle graduatorie come supplenti di insegnanti di italiano all’estero.

In questo caso stiamo parlando di scuole pubbliche, ma ci sono anche istituti privati e scuole di lingua che sono sempre alla ricerca di insegnanti madrelingua. Per inserirti nelle scuole private o nelle scuole di lingua, puoi inviare una candidatura spontanea.

Per quanto riguarda invece le graduatorie per le scuole pubbliche gestite dal Ministero degli Affari Esteri, se sei individuato e rientri nel numero dei posti disponibili, verrai avvisato con un telegramma. A questo punto ti basta scegliere la sede e iniziare la tua esperienza di insegnamento facendoti rimuovere momentaneamente dalla graduatoria.

Naturalmente ricordati che se poi vuoi continuare e avere la possibilità di fare altre supplenze devi fare di nuovo domanda per essere reinserito nella graduatoria.

L’opportunità di diventare assistente di lingua italiana

Un’altra importante opportunità da tenere in considerazione se vuoi insegnare italiano all’estero è quella di diventare assistente di lingua italiana. Questa figura lavorativa svolge la sua professione presso istituti di vario genere.

Dobbiamo specificare però fin da subito che tra questi istituti non sono incluse le università. In genere l’assistente di lingua italiana lavora circa 12 ore alla settimana, anche se le regole in termini di orario lavorativo possono variare da Paese a Paese.

La procedura per essere selezionati è gestita dal Ministero dell’Istruzione. L’incarico generalmente è di durata annuale.

Per poter accedere alla selezione e lavorare come assistente di lingua italiana bisogna avere alcuni importanti requisiti. Innanzitutto bisogna avere la cittadinanza italiana, non avere un’età superiore ai 30 anni ed essere in possesso di un titolo di studio adeguato.

In genere i titoli di laurea che vengono accettati sono la laurea triennale in lingue, in culture moderne, in lettere, in filosofia o in scienze della mediazione linguistica. Bisogna pure essere iscritti ad un corso di laurea magistrale.

Altri requisiti importanti consistono nell’aver sostenuto almeno un esame di lingua, letteratura o linguistica italiana e due esami di lingua e letteratura che riguardano il Paese in cui vuoi svolgere l’attività di assistente di lingua italiana.

Come diventare insegnante presso un istituto italiano di cultura

Chi ha una laurea magistrale in lettere o una laurea in lingue e letterature straniere, purché la votazione non sia inferiore a 110/110, potrebbe pure andare ad insegnare italiano presso un istituto italiano di cultura, che ormai sono presenti in tutto il mondo.

Il compito di queste istituzioni è quello di promuovere la cultura italiana in tutto il mondo. Fra le attività ci sono anche dei corsi di lingua italiana.

Per candidarti e diventare insegnante di italiano presso un istituto italiano di cultura all’estero devi presentare la domanda secondo le indicazioni dei bandi che periodicamente sono pubblicati dagli stessi istituti culturali. È richiesta di solito una buona conoscenza della lingua straniera parlata nel Paese in cui vuoi andare ad insegnare italiano all’estero.