Hiv, ragazzi potranno fare il test senza il consenso dei genitori
Hiv ragazzi potranno fare il test senza il consenso dei genitori

Tra i virus più subdoli c’è senza dubbio l’Hiv, virus che notoriamente solo nella sua fase conclamata dà vita all’Aids, sindrome da immunodeficienza acquisita che indebolisce così tanto l’organismo e le sue difese da condurre alla morte anche solo per un “semplice” raffreddore.

Nonostante non esista ancora una cura è la diagnosi precoce a fare la differenza, negli adulti ma anche nei bambini.

Per questo appare importante la nuova norma allo studio del Ministero della Salute: si sta infatti lavorando per creare una legge affinché i bambini possano essere sottoposti ai test senza il necessario consenso dei genitori.

«I tempi sono cambiati, eppure tanti giovani provano grande imbarazzo ad aprirsi con i genitori su alcuni aspetti della propria vita personale e non effettuano i test, pur avendo una vita sessuale attiva – spiega la ministra Giulia Grillo – l’Ssn è di tutti i cittadini ed è compito del ministro della Salute e delle istituzioni rimuovere gli ostacoli alla prevenzione in ogni ambito della salute. Negli ultimi anni è stata fatta pochissima informazione sul pericolo Aids e molti ragazzi ignorano o sottovalutano la pericolosità della malattia. Presto potranno effettuare liberamente i test in contesti protetti e dedicati, senza più bisogno del consenso del genitore o tutore».

Il Ministero della Salute in una nota ha sottolineato quindi come “gli studi evidenziano che i contagi da Hiv in età precoce sono sempre più frequenti, ma le diagnosi sono troppo spesso tardive. Per questo il ministro Grillo ha scritto al Garante per l’Infanzia e ha ricevuto una risposta positiva circa la possibilità di lavorare insieme a una nuova norma che agevoli l’accesso al test Hiv per i minori”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Contenuti interessanti

Cyber Monday un successo che segue il Black Friday

Un Black Friday come ogni anno da record, negli Stati Uniti le…

Licenziarsi perché il lavoro non piace, conviene?

Licenziarsi perché il lavoro non piace, davvero conviene oggi? La questione è…

Roma, la Raggi ha cambiato idea sulle monetine

Potremmo già soprannominarle le monetine “della discordia”: sono dovuti intervenire vari politici…